REGIONE TOSCANA
APET
ARPAT
CONFAPI
Provincie Toscane
Firenze
Arezzo
Pisa
Livorno
Massa Carrara
Siena
Prato
Grosseto
Lucca
Pistoia
Area riservata
Login
Password

associati

 

Nome e Cognome:

 
 

Indirizzo e-mail:

 
 

Scrivi il tuo messaggio:

 
 
home chi siamo struttura servizi intranet link

 

Circolari

       
circolari comunicati stampa news archivio


LEGALIZZAZIONE LAVORO IRREGOLARE DI EXTRACOMUNITARI
Una nota della Presidenza del Consiglio dei Ministri informa che il provvedimento prevede che i lavoratori extracomunitari occupati nei 3 mesi precedenti l’entrata in vigore del decreto legge, vale a dire dal 10 giugno 2002, possono essere regolarizzati a fronte di una domanda presentata dal datore di lavoro, accompagnata dal pagamento di un contributo previdenziale pari a 700 euro e dal pagamento delle spese della domanda di regolarizzazione pari a 100 euro.
La domanda di legalizzazione deve essere sottoscritta e fisicamente presentata dal datore di lavoro o da un suo delegato, entro il 10 ottobre 2002, presso qualunque ufficio postale.
Previo accertamento da parte della Prefettura di eventuali motivi ostativi, il contratto di lavoro che successivamente datore di lavoro e lavoratore dovranno stipulare presso l’U.T.G. (Ufficio Territoriale di Governo) dovrà essere a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata minima di 1 anno, coincidente con il permesso di soggiorno che contestualmente l’U.T.G. rilascerà.
In allegato, si trasmette il memorandum predisposto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali contenente le istruzioni per la legalizzazione di colf, badanti ed extracomunitari che prestano lavoro subordinato, sulla base delle disposizioni di cui alla Legge 30 luglio 2002, n. 189 e del Decreto Legge 6 settembre 2002

ISTRUZIONI per la legalizzazione di:

colf
addetti al lavoro domestico

* La regolarizzazione è limitata ad una unità per nucleo familiare.

badanti
addetti all’assistenza a persone affette da patologie o handicap che ne limitano l’autosufficienza.

** La legge non pone limiti per il numero di badanti da regolarizzare per ogni singolo assistito ma prevede la presentazione di un certificato medico della persona assistita.

Recarsi presso un ufficio postale e richiedere il kit gratuito - busta di colore bianco - per la dichiarazione di emersione di lavoro irregolare;


Il kit contiene:
una busta prestampata in cui inserire la documentazione da presentare e su cui specificare la provincia della Prefettura-UTG cui è diretta la dichiarazione;
un modulo per la dichiarazione; scarica fac-simile fronte - retro
un bollettino di conto corrente, necessario per effettuare il pagamento del contributo forfetario di 290 euro;
una cedola-ricevuta, che dovrà essere conservata a dimostrazione della presentazione della dichiarazione;
le istruzioni per la compilazione e la presentazione della dichiarazione;
l ‘elenco dei Paesi stranieri e relativo codice necessario per la compilazione del modulo.


Seguire le istruzioni contenute nel kit, compilando il modulo in stampatello, riempiendo ogni
casella con un solo carattere, lasciando una casella vuota tra un nome e l’altro. Il modulo deve essere compilato e sottoscritto in originale dal datore di lavoro. Una fotocopia del modulo (dichiarazione di legalizzazione) e dell’eventuale certificato medico del familiare assistito (nel caso di legalizzazione di badante), deve essere conservata dal datore di lavoro e dal lavoratore;

Pagare, utilizzando il bollettino di conto corrente postale predisposto nel kit, il prescritto contributo previdenziale di 290 euro;

Inserire il modulo in originale debitamente compilato, l’attestato di pagamento del conto corrente postale, copia del documento di identità del datore di lavoro, copia di tutte le pagine del documento di identificazione del lavoratore, l’eventuale certificato medico del familiare assistito (nel caso di legalizzazione di badante), nell’apposita busta, sulla quale va indicata la Prefettura-UTG-Sportello polifunzionale di destinazione (di residenza del datore di lavoro o del luogo dove si svolge la prestazione lavorativa);
Consegnare la busta chiusa, contenente tutta la documentazione richiesta, all’ufficio postale, pagando le spese di presentazione della domanda di regolarizzazione di 40 euro;

Ricevere dall’addetto dell’ufficio postale l’apposita cedola-ricevuta, debitamente compilata, comprovante l’avvenuta presentazione dell’istanza di regolarizzazione; per evitare doppie code all’ufficio postale sarà possibile fare un’unica fila sia per il versamento che per consegnare la documentazione;

Attendere l’invito, da parte della Prefettura-UTG, a presentarsi presso l’apposito sportello polifunzionale per la stipula del contratto e per il rilascio del permesso di soggiorno al lavoratore straniero.
In attesa della lettera di convocazione, che conterrà tutte le indicazioni riguardanti l’appuntamento tra le parti (luogo, giorno, orario), nessuna altra attività è richiesta al datore di lavoro e al lavoratore interessato.

Le richieste di regolarizzazione dovranno essere presentate presso uno qualsiasi degli oltre 14.000 sportelli delle Poste Italiane entro il giorno 11 novembre, termine di due mesi a decorrere dal 10 settembre 2002, data di entrata in vigore della legge 189 del 2002.

NOTA BENE
Ogni richiesta di legalizzazione deve essere riferita ad un solo lavoratore

ISTRUZIONI per la legalizzazione di:
extracomunitari che prestano lavoro subordinato
* La legge non pone limiti per il numero di immigrati extracomunitari da legalizzare per ogni datore di lavoro
Recarsi presso un ufficio postale e richiedere il kit gratuito - busta di colore azzurro - per la dichiarazione di emersione di lavoro irregolare;


Il kit contiene:
una busta prestampata in cui inserire la documentazione da presentare e su cui specificare la provincia della Prefettura-UTG cui è diretta la dichiarazione;
un modulo per la dichiarazione; scarica fac-simile fronte - retro
un bollettino di conto corrente, necessario per effettuare il pagamento del
contributo forfetario di 700 euro;
una cedola-ricevuta, che dovrà essere conservata a dimostrazione della presentazione della dichiarazione;
le istruzioni per la compilazione e la presentazione della dichiarazione;
l ‘elenco dei Paesi stranieri e relativo codice necessario per la compilazione
del modulo.


Seguire le istruzioni contenute nel kit, compilando il modulo in stampatello, riempiendo ogni
casella con un solo carattere, lasciando una casella vuota tra un nome e l’altro. Il modulo deve essere compilato e sottoscritto in originale dal datore di lavoro. Una fotocopia del modulo (dichiarazione di emersione) deve essere conservata dal datore di lavoro e dal lavoratore;

Pagare, utilizzando il bollettino di conto corrente postale predisposto nel kit, il prescritto contributo previdenziale di 700 euro;

Inserire il modulo in originale debitamente compilato, l’attestato di pagamento del conto corrente postale, copia del documento di identità del datore di lavoro, copia di tutte le pagine del documento di identificazione del lavoratore, nell’apposita busta, sulla quale va indicata la Prefettura-UTG-Sportello polifunzionale di destinazione (di residenza del datore di lavoro o della sede legale dell’impresa o del luogo dove si svolge la prestazione lavorativa);

Consegnare la busta chiusa, contenente tutta la documentazione richiesta, pagando le spese di presentazione della domanda di regolarizzazione di 100 euro;

Ricevere dall’addetto dell’ufficio postale l’apposita cedola-ricevuta, debitamente compilata, comprovante l’avvenuta presentazione dell’istanza di legalizzazione; per evitare doppie code all’ufficio postale sarà possibile fare un’unica fila sia per il versamento che per consegnare la documentazione;

Attendere l’invito, da parte della Prefettura-UTG, a presentarsi presso l’apposito sportello polifunzionale per la stipula del contratto e per il rilascio del permesso di soggiorno al lavoratore straniero.
In attesa della lettera di convocazione, che conterrà tutte le indicazioni riguardanti l’appuntamento tra le parti (luogo, giorno, orario), nessuna altra attività è richiesta al datore di lavoro e al lavoratore interessato.


Le richieste di legalizzazione dovranno essere presentate presso uno qualsiasi degli oltre 14.000 sportelli delle Poste Italiane entro il termine di un mese a decorrere dal 10 settembre 2002, data di entrata in vigore del Decreto legge del 6 settembre 2002.

NOTA BENE
Ogni richiesta di legalizzazione deve essere riferita ad un solo lavoratore.

Api Provinciali



- api Arezzo
- api Firenze
- api Livorno
- api Massa Carrara
- api Pisa
- api Siena

Strutture



- ANIEM
- COFIR
- ENTE Bilaterale
- APIFINSER
- SHOWROOM
- Imprenditoria Femminile
- Giovani Imprenditori

Unioni di Categ.



- UNIONMECCANICA
- UNITAL
- UNIONCHIMICA
- UNIONSERVIZI
- UNIGEC
- UNIONTESSILE
- UNIONALIMENTARI
- UNIMATICA
- FAI
- COLLEGIO EDILE TOSCANO

Incontri